in PENSIERI SPARSI

La bella esperienza dell’UpStart Drink

Riflettevo a mente fresca sull’esperienza UpStart Drink e lo speed meeting che si è svolto a Roma questa settimana e la sensazione che mi rimane è bella e mi dà un entusiasmo incredibile.

Così come giustamente ha scritto anche Azzurra sul nostro blog di GeekAgenda, non voglio essere troppo di parte e vorrei che le impressioni sull’organizzazione e sull’esperienza venissero dalle persone che hanno partecipato e dalla rete, così come già sta avvenendo su Twitter, FriendFeed e WorkingCapital.

L’impressione che ho avuto fin da subito , confermata anche dai feedback che ho catturato durante il networking libero, è stata sicuramente di forte interesse allo speedmeeting. Questo ha generato curiosità e voglia di mettersi in gioco. La modalità di interazione che abbiamo utilizzato, ispirata allo speed dating (organizzata in due sessioni da un’ora circa con la partecipazione di 10 coppie che interagiscono per 3 minuti a coppia), prevede che si esprimano in poco tempo le potenzialità ed i punti di forza della propria idea di business, del proprio progetto o prodotto e le proprie caratteristiche, tanto da generare nell’altro speed-daters l’interesse per un eventuale collaborazione o investimento.  Questo, per chi non è abituato alla “sintesi” poteva essere un ostacolo e inficiare, pertanto, la buona riuscita dell’evento aggregante. L’effetto invece è stato incredibile: tutti sono stati coinvolti ed estremamente disponibili.

L’ambiente informale, la voglia di confrontarsi e la novità dell’evento sono state secondo me i veri ingredienti che hanno dato a questo evento romano, una caratteristica nuova e una nuova modalità di fare networking. Sono veramente contento perché durante la serata si sentiva forte  la voglia di fare innovazione, energia e passione, condivisione e la volontà di creare un sistema di collaborazione che va totalmente in controtendenza alla mentalità media italiana. Credo veramente che questa sia una spinta e una ventata di aria fresca e che, se cavalcata ed amplificata, possa fare veramente la differenza.

Ho pubblicato su Flickr qualche scatto fatto da David . Ovviamente un grandissimo ringraziamento per questa, prima, bella esperienza va a Waggle, Azzurra, Luca e Cristina: spero veramente che questa collaborazione continui e che questo modello si possa portare anche in altre città.