in PENSIERI SPARSI

Se l’IT va in cloud e diventa un servizio

Negli ultimi tempi ho avuto modo di analizzare ed approfondire tematiche relative al concetto di SaaS (Sofware as a Service) e mi sono convinto di una cosa: i tempi sono maturi per il passaggio definitivo, di alcune realtà, al completo utilizzo del software in cloud e outsourcing. Secondo me a partire dalla metà del 2010 e per i prossimi due anni, vedremo crescere il mercato del SaaS in modo considerevole, ben oltre il software tradizionale. Anzi, vedremo un radicale abbandono delle applicazioni tradizionali client, anche su sistemi Mobile.

Della modalità SaaS se ne parla da tempo e spesso, sotto forme e nomi diversi, da servizi in ASP fino al software on demand. Anche se piccole sfaccettature e diverse caratteristiche rendevano differenti queste modalità, il concetto di fondo era sempre lo stesso: si trattava comunque di software non residente su sistemi aziendali, ma su server terzi, e fruibile via web.

Il limite più grande che ha fermato la crescita di questa modalità in questi anni è secondo me riconducibile fondamentalmente a 2 fattori:

  1. La continuità del servizio: le infrastrutture non garantivano la possibilità di fruire di servizi presso terzi. I principi di business continuity , ridondanza ed alta affidabilità, fino a poco tempo fa, non erano alla portata di tutti, mentre oggi vengono affrontati con molta più attenzione dalle aziende, e da fornitori di servizi;
  2. La sicurezza delle informazioni: la scarsa conoscenza dei marchi non rendeva facile la scelta delle aziende. “Depositare” i propri dati presso terzi non era (e non lo è anche oggi) una decisione semplice.

Oggi queste problematiche sono state tendenzialmente superate e le aziende sono molto più predisposte: da una parte le tecnologie permettono di essere sempre always-on, i fornitori sono in grado di fornire servizi in continuità con livelli di efficienza elevata, i dati possono esser cifrati con sistemi sofisticati, i produttori di software in accordo con gli ISV hanno iniziato a proporre soluzioni in partnership o co-branding, guadagnando in credibilità e fiducia.

Negli ultimi anni alcune software house e alcuni produttori di software hanno iniziato a mettere a disposizione soluzioni di ERP, strumenti di Business Intelligence e CRM completamente utilizzabili e fruibili via web. Il target individuato e maggiormente attento a questo tipo di soluzioni è stato quello delle PMI che, non avendo internamente alta competenza tecnica, avendo budget ridotti e non avendo l’IT come Core Business, hanno potuto ridurre gli investimenti in Information Technology affidandosi a servizi completamente in outsourcing, in cloud.

In Italia siamo ancora indietro da questo punto di vista e mentre noi stiamo a guardare e aspettiamo, nel resto del mondo è invece molto interessante vedere come il mercato del cloud computing stia evolvendo: oltre alle soluzioni SaaS si parla anche di Platform-as-a-Service (PaaS) e Infrastructure-as-a-Service (IaaS). Il Platform-as-a-Service, per esempio, ha una logica simile al SaaS, ma in questo caso non viene utilizzato in remoto un singolo programma, ma una piattaforma software che può essere costituita da diversi servizi, programmi o librerie.

Se il trend – come immagino – sarà crescente, assisteremo ad un cambiamento radicale della fruizione dei servizi IT, avremo sempre più servizi ed applicazioni utilizzabili on line, vedremo sempre più diminuire il numero delle macchine e dei server, e i data center (sempre più virtualizzati e distribuiti) non saranno quelli di oggi.

Questo significa che le aziende che non hanno nell’IT il proprio Core Business, potranno esternalizzare sempre di più servizi, infrastrutture e applicativi andando sempre più verso il concetto di It-as-a-Service . Le responsabilità relative alla continuità del business e alla sicurezza saranno demandate al fornitore e gli investimenti dell’azienda potranno focalizzarsi sull’innovazione della propria attività.

Della serie, ad ognuno il proprio mestiere.