in ESPERIMENTI E FOLLIE

L’advertising che verrà: real time, profilato, attivo e a conversione immediata

Facebook acquisisce Wit.ai, una startup già presente in Y Combinator, fondata 18 mesi fa, con l’obiettivo di trasformare il linguaggio parlato in azioni. In poche parole, il sistema acquisisce uno stream audio, lo converte in testo attraverso un sistema di voice-to-text, trasforma le informazioni della conversazione in dati strutturati ed espone la struttura analizzata tramite API per permettere a sviluppatori di terze parti di integrare nuove funzionalità e dati.

Esempio 1 : impostare la temperature del bagno


Riconoscimento della necessità manifestata dall’utente di impostare la temperature della camera da letto

Ho già letto alcuni articoli, interviste e pareri online e nella maggior parte dei casi il focus della discussione verte sull’importanza della semplificazione per aziende e developer, attraverso API appunto, della possibile integrazione del riconoscimento vocale in applicazioni di terze parti.

Anche dal mio punto vista questo aspetto è particolarmente rilevante, ma di piattaforme che stanno puntando al servizio di integrazione ne esistono altre ed in alcuni casi sono sicuramente più avanzate.

L’opportunità per Facebook potrebbe esser legata all’integrazione con Messenger: immaginate di essere in grado di parlare a mani libere attraverso Messenger,  veder trascritto il discorso in testo, e quindi inviare il messaggio con comando vocale. Fantastico no? Ma non c’è nulla di nuovo in questo.

Google e Apple infatti, come sapete, hanno entrambi i loro sistemi di comando vocale come Siri, ed è già possibile utilizzare il voice-to-text per trascrivere il parlato in testo all’interno delle applicazioni. In entrambe i casi i sistemi però sono progettati per gli esseri umani per permettere di dare ai dispositivi dei comandi vocali più o meno complessi. Facebook potrebbe invece concentrarsi nell’interpretazione del parlato per migliorare le chat tra persone integrando automaticamente emoticon, simboli o riferimenti/azioni.

Il fondatore di Wit.ai nel post in cui spiega l’acquisizione, dice:

Facebook’s mission is to connect everyone and build amazing experiences for the over 1.3 billion people on the platform – technology that understands natural language is a big part of that, and we think we can help.”

Ma il punto non è qui, ed il valore enorme di questa acquisizione è altrove. Mi spiego.

Facebook fino ad oggi non ha fatto acquisizioni  – solo – per generare una nuova esperienza: Facebook fa acquisizioni per fare business, il suo business, e farlo in modo sempre più preciso. Ed il business di Facebook è l’ADV.

L’ha fatto con Instagram aggiungendo allo stream fotografico adv e post sponsorizzati, potendo analizzare i dati di preferenze, i tag e la localizzazione degli utenti. Lo ha fatto con Whatsapp, analizzando le conversazioni private e poter fare retargeting adv su Facebook. Lo ha fatto con Glancee con la geolocalizzazione, oggi anche rilevata dall’applicazione in background per poter proporre nuove amicizie e possibili conoscenze.

Ora arriviamo al punto e partiamo con un esempio: immaginate che a seguito di uno status su FB, di un messaggio su Whatsapp o Messenger in cui l’utente manifesta l’intenzione, con amici taggati, di andare a cena e mangiare un hamburger, a San Francisco.

L’attuale ADV prevede già la possibilità di presentarvi un ADV profilato per le informazioni scritte dall’utente o presenti nel profilo. E anche fin qui nulla di nuovo.

Ma con la nuova acquisizione tutto diventerebbe più completo come segue:Esempio 3 - Prenotare un ristorante per 3 persone

E da un semplice status update, proprio grazie Wit.ai, si avrebbe il dato strutturato in questo modo:

  • Esigenza: andare a cena / prenotare
  • Persone: 3
  • Luogo: Barney’s Burger
  • Data: 27 aprile

Ora immaginate se, invece di apparire il solito ADV con foto e payoff più o meno generico, vi apparisse un adv con action diretta, i dati precompilati e possibilità di prenotazione immediata e conversione senza ulteriori click da parte dell’utente:

unnamed

Possiamo quindi pensare all’ADV come qualcosa non solo di rimando, ma di azione? Secondo me si. Più che mai perchè già Facebook sta testando i tasti con action dirette (book, view, rates..) all’interno delle fan page.

L’advertising del futuro realtime, profilato, attivo (e interattivo) e con la possibilità di conversione immediata (e fortemente misurabile).

E Facebook e Google sono molto avanti, e a mio avviso pronti, per poter realizzare uno sviluppo del genere.