Generatori e scanner di QR Code

Come ho spiegato in altri post, e per chi ancora non ne avesse ben chiaro l’utilizzo, il QR Code (Quick Response Code) è un codice bidimensionale che può essere letto dalle fotocamere degli smartphone e contiene tendenzialmente testo, foto, video, musica o URL. Sempre più persone arrivano sul mio sito cercando informazioni e molti mi chiedono quali siano i migliori generatori di codice QR e i migliori scanner di barcode. Ho deciso di scriverne un post di riepilogo.

Da una veloce ricerca su Google utilizzando la parola chiave “generatore di codice QR” abbiamo in linea di massima tutto quello che ci serve. Il numero di risultati è talmente alto che difficilmente non è possibile trovare un apps che fa al caso nostro. Io ho preso in considerazione Kaywa, zXing, Qurify, Stickybits, PlugIn per WordPress e la mia semplice app browser.

Kaywa è un generatore di codice QR: è uno dei sistemi più semplici per generare un qrcode contenente una URL (indirizzo web), un testo, un numero di telefono o anche un SMS. E’ sufficiente selezionare la vostra preferenza, immettere il contenuto, specificare le dimensioni e cliccare su “Generate”. Il codice verrà generato e potrete così utilizzarlo altrove, anche utilizzando il codice HTML da incorporare in un sito o in un blog. Questo sistema è forse il più completo perchè permette di accedere anche ad un pannello di statistiche e analisi dei dati (pagamento).

zXing è un generatore completo che permette di creare però anche barcode contenenti informazioni geolocalizzate, eventi per calendari e informazioni per hotspot wifi.

Qurify è un applicazione semplicissima per creare Barcode personalizzati

Stickybits è un applicazione leggermente diversa, ma il servizio rende anche semplice la possibilità di creare adesivi contenenti codici.

QR Code Widget è un plugin per WordPress che vi permette di creare dei vostri barcode personalizzati.

Barcode Generator è una semplice applicazione per web che vi permette di creare un Barcode contenente un Link da inserire nel vostro Blog o sito internet. La comodità è che i parametri per generare il QRCode potete passarli semplicemente attraverso l’html generato e quindi è possibile generare al volo diversi QRCode personalizzati. Io utilizzo questa apps per generare dinamicamente i QR Code del mio blog con una URL per ogni singolo post direttamente da WordPress.

Dal punto di vista degli scanner di codici QR è tutto molto più semplice. Le applicazioni in grado di leggere i codici sono disponibili per la maggior parte degli smartphone. Basta cercare una applicazione all’interno del App Store utilizzando le parole chiave “lettore di codici a barre“, o “lettore di codici QR“, e troverete diverse applicazioni tra cui scegliere (gratuite o a pagamento). Su iPhone, è possibile scegliere tra QR APP, QR Reader per IphoneQuickMarkOptiscan. Su Android io utilizzo Barcode Scanner il più popolare dei lettore di codici QR per il Googlefonino. Per quanto riguarda Blackberry ho utilizzato invece Scanlife Barcode Reader.

Tutto chiaro? Ovviamente se utilizzate altre apps che non ho citato, fatemi sapere!

Tags: , , , ,

A settembre QR Code e CheckIn a scuola?

Ieri al mare ascoltavo due signore vicine di ombrellone discutere di alcune problematiche relative agli studenti: non studiano, non si presentano alle lezioni, portano il cellulare in classe, non si portano i libri a scuola e via dicendo. Ascoltandole mi sono venute in mente alcune possibili applicazioni legate proprio ai problemi che loro evidenziavano. Secondo me la tecnologia potrebbe in parte risolvere o comunque stimolare gli studenti. Mi spiego.

Immaginiamo per esempio una dispensa didattica per gli studenti contenente un QR Code su alcuni capitoli, su eventuali argomenti da approfondire o alla fine di ogni capitolo. Le applicazioni sarebbero molteplici: lo studente semplicemente leggendo il barcode QR dal proprio cellulare potrebbe andare velocemente ad un sito di approfondimento contenente video, foto, audio e altri testi. Potrebbe interagire direttamente con il professore o con un tutor e porre domande su argomentazioni specifiche, o anche leggendo un QR code potrebbe esser dirottato su una pagina di esercizi per la verifica di fine capitolo.

Il professore potrebbe condividere rapidamente contenuti e link senza dover dettare indirizzi lunghissimi o inviare materiale, avrebbe la possibilità di visualizzare le statistiche di lettura, l’avanzamento degli studi degli studenti in base agli esercizi svolti e gli approfondimenti letti e potrebbe raggiungere un livello di interazione maggiore di quello che c’è oggi. Banalmente non sarebbe altro che l’utilizzo e l’evoluzione dei sistemi attualmente utilizzati da alcune Università con FAD anche alle scuole medie e superiori.

Se a tutto questo questo fosse legata un ambientazione in formato social network (strumento sicuramente utilizzato dagli studenti) si potrebbe pensare per esempio alla condivisione dei punteggi (magari postando su Facebook o su Twitter il valore raggiunto) e stimolando lo studio sotto forma di gaming in un contesto più familiare e attuale. Chissà magari il Secchione potrebbe diventare una nuova tendenza!

Infine pensavo all’utilizzo del CheckIn come forma di registrazione della presenza a scuola, ma non appena ho finito la riflessione, ho pensato a quante parolacce mi potrei prendere e mi hanno iniziato a fischiare subito le orecchie…

Chissà, magari in futuro non troppo lontano, veramente lo studente farà checkin a scuola, leggerà con il cellulare i QR code, prenderà appunti su ipad e leggerà libri nell’eBook.

Fantascienza, cosa ne pensate?

Tags: , , , , , , , , ,

Il Like di Facebook è il CheckIn del web, ed il traffico è social

Di solito non mi piace dire l’avevo detto, ma questa volta, visto il modo simpatico in cui ho scoperto che un’altra delle mie mille elucubrazioni visionarie ha preso forma, lo dico: l’avevo detto! Giuliano, uno dei veri Indigeni Digitali con i quali mi trovo ogni tanto a parlare, ha twittato pochi minuti fa un messaggio nel quale dice “Il #checkin migra sulle pagine web e l’analisi del traffico dei siti web diventa #social http://ow.ly/27LxN @fabiolalli l’aveva previsto“. In effetti il concetto descritto e l’applicazione sviluppata è praticamente la stessa che avevo pensato anche io qualche tempo fa.

Oggi gli utenti stanno impazzendo per i servizi di geolocalizzazione e l’effetto rete, contaminante per definizione, sta facendo crescere ogni giorno il numero di informazioni condivise, i check-in effettuati e i badge assegnati. Il check.in, come ho spiegato in altri post, è fondamentalmente quell’azione che l’utente compie nel momento in cui decide di condividere con gli altri determinate informazioni (una foto, un video, un parere su un locale) o semplicemente il momento in cui si trova in un determinato indirizzo. Fare un check-in significa praticamente rispondere alle 4 domande Chi?, Dove?, Cosa? e Quando? con la sola azione di un click.

Vi siete mai domandati dove ultimamente avete fatto questa azione, anche se non così esplicita? Si, proprio quella, cliccando il LIKE Button su Facebook o sui vari siti internet che hanno integrato i social plugins. Se ci pensate nel momento in cui cliccate il tasto Mi piace, a tutti gli effetti avete risposto alle stesse domande e avete dato molte informazioni:

  • Alla domanda Chi? avete risposto con Nome e Cognome
  • Alla domanda Cosa? avete risposto con una capillarità incredibile selezionando il singolo post
  • Alla domanda Quando? avete risposto dando un istante preciso
  • Alla domanda Dove? avete risposto indicativamente con le stesse informazioni di un checkIn, anche se con un livello di dettaglio leggermente inferiore. Ma neanche tanto se pensate all’analisi del traffico che viene fatto da Google Analytics…

Ma ora se vi impegnate ancora di più e ci pensate ancora un pò, vi accorgerete che il checkIn lo fanno tutti gli utenti di internet praticamente da sempre, solo che, invece di farlo con un click sul tasto CheckIn o un su un tasto Like, lo fanno subdolamente al caricamento delle pagine navigate e tutte le informazioni vengono rilevate dai sistemi di analisi del traffico.

E quindi dove sta la cosa nuova? Sta nel fatto che tutte le informazioni in questo caso diventano più social con tutti i vantaggi del caso, sia in termini di propagazione dell’informazione (effetto LIKE , condivisione verso amici e verso lo stream di altri social) sia in termini di analisi dei dati (informazioni geolocalizzate, profilate ed estremamente dettagliate).

L’ulteriore valore che secondo me andrebbe poi sviluppato ed associato al concetto di checkIn è la risposta alla 5a domanda: Perchè?

Secondo me, banalmente, basterebbe ri-attivare sui siti internet una cosa che è sempre esistita sul web: un sistema, come il like di facebook, ma che permetta all’utente però di esprimere un valore. Praticamente il classico dei più classici tasti rating, magari a cinque stelline. Si svilupperebbe così anche un informazione qualitativa,  integrata ad informazioni e dati tendenzialmente quantitativi. Pensate se FourSquare modificasse il suo tasto checkIn in 7 tastini e ciascuno di questi avesse un valore. Per ogni checkIn potremmo esprimere per esempio un valore numerico che potrebbe esser contestualizzato e analizzato.

Se poi volessimo rendere preciso anche il Dove?

Utilizzando un QR Code, leggibile dalla fotocamera di un cellulare o di uno smartphone, e sfruttando i sistemi GPS integrati, potremmo avere dei dati geolocalizzati in modo più preciso al posto della localizzazione effettuata tramite IP.

Tags: , , , , , , , , , ,

Il QR Code fa il Check-In su Foursquare

Qualche giorno fa avevo parlato dei Location Based Services e anche della possibilità di utilizzare i QR Code per taggare e geolocalizzare allo stesso tempo. Detto, fatto. Poco fa, mentre girovagavo per la rete, ecco in cosa mi sono imbattuto: progetto φ ² dell’Università di Stoccolma, basato appunto sull’incrocio tra i QR Code ed il Check-in di Foursquare. Ne avete sentito parlare? Beh, io no, fino a qualche minuto fa, ma è la stessa cosa di cui parlavo io qualche giorno fa. Praticamente il φ² Scanner per Android è il primo risultato delle ricerche e degli studi di questa Università: un software che semplifica il processo di check-in in foursquare attraverso la lettura dei codici a barre 2D (codici QR) in un determinato posto.

L’idea è molto simile a quello che Google sta facendo con le “Favorites Plates” sempre attraverso l’utilizzo dei codice QR, ma questa applicazione è specifica per Foursquare e richiede agli utenti di scaricare e installare un’applicazione Android.

Ecco come funziona: il proprietario di un locale genera un codice a QR Code utilizzando l’indirizzo fisico (Via tal dei tali…) o l’ID di Foursquare e attacca il codice in punto ben visibile del locale stesso. I visitatori/clienti possono quindi utilizzare la semplice lettura del barcode utilizzando l’apposito software [Android download link] per scattare una foto al QR. La scansione rileva le informazioni ed effettua il check in modo più rapid0.

Attualmente questo tipo di funzionalità è attiva solo per Android e non esiste ancora un client per Iphone. Ovviamente questo è un limite ma la scelta dell’integrazione tra i due sistemi è assolutamente giusta. Mi aspetto di vedere questo tipo di logica e tecnologia applicata ad altri contesti, ma affinchè prenda piede è necessario che i consumatori, gli utenti inizino ad utilizzare attivamente lo scanner per codici QR o altri tipi di sistemi di lettura di TAG.

Qui sotto il video di Google:

Mentre qui il video del progetto φ²:

Foursquare Physical Checkin from mobile life on Vimeo.

Tags: , , , , , , ,

Differenze tra Microsoft Tag e QR Code

Ieri ho scritto un post relativamente alla tecnologia Tag di Microsoft e subito dopo mi sono ritrovato a parlare con amici più o meno smanettoni relativamente alle implementazioni possibili ma soprattutto riguardo alle differenze e ai vantaggi tra una tecnologia e l’altra. Partendo dal fatto che entrambe le tecnologie sono legate al concetto di object hyperlinking, la domanda che ci siamo posti però è stata “Ma quali sono queste differenze tra il TAG ed il QR?”

Bene, qui di seguito ecco un pò di riflessioni al riguardo.

Stampa. Tag consente una dimensione molto più piccola dei codici QR, per cui su materiale stampato riduce l’ingombro. Immaginiamo per esempio l’utilizzo di un Tag su una stampa di un annuncio: nel caso dei QR il codice dovrà esser ben visibile, mentre con i Tag si avrebbe un impatto visivo minore e meno invasività.

Personalizzazione. Il tradizionale codice 2D è un simbolo privo di senso: dopo tutto si tratta di un codice a barre bianco nero. Con Tag invece, attraverso l’opzione per effettuare Custom Tag, si possono integrare completamente codice e marchio, per esempio, creando dei simboli anche visivamente e graficamente interessanti.

Unico lettore. Attualmente sul mercato sono presenti molti lettori di Codici QR, gratuiti e non, e sopratutto con funzionalità e caratteristiche differenti a seconda del device. Microsoft fornisce invece una singola soluzione per il mobile tagging per tutte le principali piattaforme: Windows Mobile, J2ME, iPhone, Blackberry, telefoni Symbian S60 e Android.

Precisione. La sofisticata tecnologia utilizzata da Tag, chiamata High Capacity Color Bar Code, o HCCBs, permette una accurata scansione anche su telefoni cellulari che hanno delle fotocamere con caratteristiche limitate e in situazioni di immagine sfocata, di bassa qualità delle lente, o di mancanza di auto-focus per la messa a fuoco dell’immagine. I barcode QR spesso non si riescono a leggere proprio per i problemi appena descritti.

Api e sviluppo. Sia per Barcode QR che per TAG si possono trovare sul mercato delle API di sviluppo. Nel caso dei QR Code ci ha pensato Google, mentre per i Tag ci ha pensato ovviamente Microsoft.

Report. Passando da Microsoft ogni scansione, si ha sempre un report di lettura e delle statistiche. Nel caso dei QR bisogna sviluppare un applicazione di tracciamento per ogni progetto.

Leggendo queste riflessioni e tirando le somme sembra che il Tag d Microsoft siano migliori dei Barcode QR senza ombra di dubbio. Personalmente, come ho detto anche ieri sul post in risposta a Riccardo, ho un pò di dubbi relativamente al fatto che Microsoft mantenga gratuito il client e rimango un pò diffidente dall’utilizzo di questo sistema che passa sempre e comunque dai sistemi di microsoft (…ovviamente questo succede anche nel caso delle API di Google).

Tags: , , , , , ,

Barcode QR a colori con Microsoft Tag

In questi giorni ho avuto modo di approfondire un pò di problematiche relative ai Barcode QR e dopo aver messo on line un apps di prova per generare i QR per un amico di Torino, mi son trovato a leggere un articolo interessante relativo al caso dell’ente Turismo Torino e Provincia. In pratica l’ente ha dato il via alla prima implementazione dei tag basata sulla tecnologia di barcoding Microsoft Tag (High Capacity Color HCCBs)

La cosa mi ha incuriosito e subito mi sono letto un pò di articoli, specifiche tecniche e le linee guida per creare dei tag personalizzati. Praticamente questi barcode della Microsoft non hanno niente più dei semplici Barcode QR, con la differenza però che sono a colori e che il client per i cellulari è distribuito gratuitamente da Microsoft per :

  • Android
  • Blackberry
  • iPhone
  • J2ME
  • Java 2 Micro Edition
  • PalmOS
  • Symbian S60
  • Symbian S60 1st Edit
  • Symbian S60 2nd Edit
  • Symbian S60 3rd Edit
  • Symbian S60 5th Edit
  • Windows Mobile
  • Windows Phone

La Microsoft ha inoltre creato un apposita sezione dedicata a chi vuole generare il proprio barcode da utilizzare su volantini, manifesti, siti e biglietti da visita (molto geek). L’utilizzo di questa applicazione è gratuita, attivabile facilmente attraverso l’account Hotmail / MSN e permette anche di avere dei report di lettura.

Insomma, ma dico io, è possibile che Microsoft debba sempre realizzare qualcosa fuori standard, solo per differenziarsi un pò?

Devo dire però che questi barcode, aldilà del fatto che possono contenere più informazioni, sono effettivamente graficamente più belli e curiosi.

UPDATE 15/03/2010 ore 15.18: ho trovato anche questa pagina relativa alla sezione sviluppatori contenente le API da utilizzare per eventuali sviluppi

Tags: , , , , , , ,

Barcode QR, idee e applicazioni per passare dal reale al virtuale

Di codice QR – acronimo di “Quick response” - se ne sente parlare da parecchio, ma molti ancora non sanno cosa sia malgrado lo si veda ormai su ogni bolletta che ci arriva a casa. Si tratta di un codice a barre un pò più “sofisticato”, un codice a barre che contiene in un immagine un contenuto criptato. Per questo tipo di Barcode non c’è bisogno di un lettore di codici particolare, in pratica basta un semplice cellulare munito di fotocamera e di un software di riconoscimento. Questo è il vero vantaggio ed il vero potenziale di questo QR Code.

In Giappone se fa un largo uso  da più di un decennio (la sua invenzione risale al 1994, opera della corporation Denson-wave). In Italia ha cominciato a prendere piede da non molto, ma l’innumerevole quantità di implementazioni che offre porta a credere che il piccolo quadrato astratto entrerà a far parte dell’immaginario collettivo associato a molteplici oggetti e applicazioni.

Al di là degli aspetti tecnici e delle prospettive commerciali che offre un simile sistema, ho trovato molto interessante il concetto a cui questo barcode rimanda: object hyperlinking. Estendere internet al mondo reale, fisicamente. Un oggetto viene taggato, l’utente rileva il tag con un medium (lettori e/o  fotocamere) e tramite la rete vengono recuperate altre informazioni. Oggi siamo abituati ad un Internet che non si estende oltre il mondo elettronico o comunque le applicazioni ancora sono molto poche: l’Object hyperlinking estende il virtuale al reale, lo arricchisce e lo aumenta.

Per iniziare a prendere confidenza con i Barcode QR ho realizzato una piccola apps per la creazione e la condivisione del barcode del vostro sito. Vi sono già venute in mente un pò di applicazioni? A me una marea e qualcuna la pubblico tra le mie startup :)

Tags: , , , , , , , , ,