PENSIERI SPARSI

Google +1, come si attiva, come funziona e gli effetti sulla rete

Un paio di giorni fa Google, dopo un post su blogspot nel Webmaster Central, ha attivato Google +1 e in rete si è sentito e letto molto dell’effetto che questa nuova funzionalità dovrebbe avere sulle ricerche. Qui potete visualizzare il video Introducing the +1 Button pubblicato su Youtube.

Attualmente Google + 1 è attivo solo nella versione Inglese e per attivarlo è necessario seguire una semplice procedura. Prima di tutto è necessario aver attivato un profilo pubblico su Google Profile e poi spostare il proprio account alla versione inglese di Google per poter accedere a Google.com (e non al .IT). Per poter effettuare questa modifica è sufficiente accedere alla home page classica di Google e premere “Google.com in English“. Una volta completato questo passaggio vi accorgerete di avere un interfaccia leggermente diversa, ma soprattutto in inglese! Da questo momento in poi il vostro profilo sarà impostato (se non l’avevate già) sulla versione in Inglese. Personalmente consiglio l’utilizzo di questa versione di default.

Ora per poter attivare ed accedere alle funzionalità di Google +1 entrate nel Labs di Google, precisamente nella sezione Experimental Search dove troverete le ultime idee in sviluppo e che potete attivare per poterle utilizzare e testare prima dell’ufficializzazione.

 

Attivazione Google +1

Per attivare la funzionalità premete il tasto Join this experiments riportato alla destra del nome del nuovo servizio da attivare. Una volta attivata la funzionalità (vedrete apparire una scritta This is your selected experiment. Leave). Attivazione completata!

Ora sarà sufficiente tornare sulla home page di Google.com e procedere con una ricerca, niente di più facile. Noterete che vicino ad ogni risultato apparirà il nuovo tastino di +1, una scritta che riporta il numero delle persone che hanno effettuato lo share (You +1’d this pubblicity) del risultato e l’elenco delle fototo degli avatar degli utenti che hanno effettuato la condivisione. Una volta cliccato sul pulsante +1 il colore del pulsante cambierà e diventerà colorato, ad indicarvi che avete già espresso la vostra preferenza per quel link.

Risultato della Ricerca "Fabio Lalli"

Quando cliccate sul tasto per esprimere una preferenza, Google vi mostrerà una pagina in un popup nella quale vi chiederà di confermare la vostra preferenza e personalizzare il vostro profilo di Google affinchè i risultati selezionati possano esser raccolti in una pagina e consultati successivamente.

Esprimere una preferenza con Google +1

Da questa pagina è possibile accedere alle Privacy Policy che consiglio di leggere per due motivi:

  1. dalla pagina delle Policy potete capire in che modo verrà utilizzata la vostra preferenza
  2. dalla pagina delle Policy si può accedere alla funzione di configurazione OPT-out di Google e poter decidere se far apparire il vostro nome nel risultato di ricerca di altri utenti, al fine di influenzare la decisione di altri utenti.

Impostazioni OPT-out Google +1

Fatto tutto questo, e selezionate le vostre preferenze, ecco che vedrete apparire nel vostro Google Profile un tab riservato ed accessibile solo a voi, all’interno del quale verranno aggregate tutte le vostre scelte.

Google Profile e attivazione del tab +1

Per i blogger, gli sviluppatori ed i proprietari di siti internet, sarà presto un’altro bottoncino da “appiccicare” sul proprio sito, ma anche se per adesso non è attivo, è possibile farne richiesta su una apposita pagina web.

Anche se la funzionalità Google+1 può sembrare la risposta immediata al «Like» di Facebook, non è così. Le due funzioni (Like e +1) esprimono la nostra preferenza in modo diverso: il «Like» di Facebook esprime il nostro gradimento su un particolare contenuto all’interno di Facebook, di un sito o di un blog e si propaga all’interno di Facebook stesso, mentre il +1 di Google influenza direttamente i risultati di ricerca, AdWords e AdSense andando a definire un parametro di “meritocrazia” della rete.

Praticamente il valore di un contenuto si sposta sempre più nelle mani degli utenti, che saranno sempre più in grado di influenzare le scelte delle ricerche su internet.

 

UPDATE 01/06/2011 : Google pochi minuti fa mi ha attivato la funzionalità (come ad altri utenti) e così ho realizzato al volo un plugIn per poter inserire il bottoncino di Google + 1 all’interno di WordPress. Potete scaricarlo da questa pagina: https://fabiolalli.com/google1button

1

HandwritingMe, dall’email alla lettera. Su carta.

Pochi giorni fa ho ricevuto una lettera. Sì sì, una lettera di carta, come quelle che non siamo più abituati a ricevere, non una email.

Quando la lettera è stata consegnata, io non ero a casa. Mia moglie, dopo averla trovata nella cassetta della posta mi ha chiamato al cellulare e mi ha detto: “Hai ricevuto una lettera“, ed io “Una multa?“. “No, no, una lettera scritta a mano, con una piuma stampata sopra“. Ho capito subito di cosa si trattava avendo già visto alcune foto scattate da altri ma, nemmeno il tempo di riflettere e spiegare a mia moglie l’idea del progetto, che mi fa: “Ma non eri quello tutto tecnologico e 2.0? Adesso da dove esce fuori questa cosa romantica della lettera scritta a mano ?“.

In effetti è vero, non ricevo lettere scritte a mano da tempo. Forse l’ultima volta era la lettera di un amico con il quale ho fatto il militare e che mi scriveva gli auguri di Natale dalla Germania e mi raccontava del suo ultimo anno professionale. Io non scrivo una lettera da tempo immemore, la penna la utilizzo per firmare qualche documento e prendere qualche appunto sulla Moleskine, al massimo scrivo la lista della spesa (quando non uso l’iphone) e ogni tanto scrivo qualche biglietto a mia moglie. La mia calligrafia è peggiorata tantissimo negli ultimi anni e quando scrivo, cercando di andare alla stessa velocità della tastiera, faccio mille errori.

Il grande Luca Volpi (@foxarts) è riuscito a farmi trovare la voglia di scrivere qualche riga grazie ad un idea tanto semplice, quanto affascinante. Il progetto si chiama HandwritingMe e come si può leggere sul blog:

…il concetto è semplice e serve per riscoprire il piacere di un gesto, di un pensiero e di un momento come quello di scrivere una lettera di carta e penna ed inviarla, ascoltando e percependo quella magia dell’attesa e della sorpresa nel trovare nella cassetta delle lettere una “missiva” a voi dedicata.

Niente altro: nessun obiettivo particolare, nessun business, nessun ritorno. Tutto il vantaggio può essere nel trovare qualcuno che risponde e che, nell’era delle veloci email e nei post lampo, dedichi un po’ di piacere in un foglio di carta, nella scelta di una penna adeguata e nel cercare una rossa cassetta dove completare la propria opera.

Un sorriso, niente di più. Puro divertimento. Se ti va di partecipare, gratuitamente :), lasciami il tuo indirizzo e ti invierò una lettera in carta e penna. Insomma, una di quelle vere…

Anche se non conoscete Luca e volete riscoprire l’emozione dell’attesa di una lettera, potete scrivergli un messaggio e mandargli il vostro indirizzo. Luca vi scriverà. Io l’ho fatto e la lettera è arrivata. Ci ho messo un pò a leggerla, visto che sembra scritta dal mio medico, ma il contenuto mi ha emozionato.

Ci tengo a dire che io e Luca ci conosciamo da poco tempo in effetti: tutto è iniziato da twitter, poi Facebook e poi un paio d’ore davanti ad un bicchiere di vino a Milano, tanto per dare un volto ad un nome in rete. E’ iniziata una di quelle amicizie che ti sembra di aver sempre avuto, quelle affinità particolari che ti fanno pensare che quella persona la conosci da tempo. Non è la prima volta che mi succede, e questo sempre con persone conosciute tramite la rete.

Poi questa lettera non ha fatto altro che consolidare quello che già pensavo. Grazie Luca, sei una persona eccezionale.

PS: ti arriverà la mia a breve 😉

0

E ora misuriamo Like e tutto ciò che è social!

L’utilizzo dei Like, come è ormai evidente in rete, ha assunto dimensioni incredibili tanto che qualcuno ha cominciato a riflettere ai principi dietro quella che può esser chiamata la Like Economy. Negli ultimi mesi inoltre l’utilizzo esteso dei plugin sociali rilasciati da Facebook, integrati all’interno delle applicazioni web e mobile, ha generato moli importanti di traffico verso milioni di siti web, trasformando il Like di Facebook in un vero e proprio Check In del web .

Questa trasformazione del Like ed il traffico da esso generato, ha attivato le attenzioni di molti utenti ed è cresciuta sempre più l’esigenza di misurare e monitorare questi dati. Come avevo anticipato nel post C’era una volta un Like, era intuibile che Facebook a stretto giro rilasciasse delle funzionalità di Insight mirate al Like ed in generale agli oggetti sociali.

In queste ore infatti, come si può leggere sul blog di Facebook, è stata rilasciata una nuova piattaforma di Statistiche per i siti web, chiamata Real-Time Analytics For Social Plugins. La serie di funzionalità messe a disposizione da Facebook, servirà a migliorare l’analisi dei dati relativi al comportamento degli utenti e l’interazione con le pagine ed aiutare così le aziende, i blogger o i proprietari di un sito nell’ottimizzazione in tempo reale dei propri contenuti.

Partendo dal post ufficiale pubblicato sul sito blog di facebook, ecco cosa i siti internet avranno quindi a disposizione:

Analisi del Like
I dati, in formato anonimo, mostreranno il numero delle impression dei pulsanti ed il numero dei click. Attraverso l’analisi del Like sarà possibile testare l’impatto della posizione dei pulsanti all’interno delle pagine e misurare cosi il CTR.


Analisi dei commenti

Attraverso questa funzionalità sarà possibile visualizzare il numero di volte che gli utenti hanno visualizzato il box dei commenti, quante volte hanno lasciato commenti e quante volte hanno cliccato per vedere il contenuto del sito.

Analisi della popolarità delle pagine
Mostrerà all’utente la popolarità delle pagine basando la valutazione su più parametri quali commenti, click, condivisioni e visualizzazioni.


Analisi demografica

Permetterà la visualizzazione dei dati di traffico aggregati per sesso, fascia di età, lingua e nazionalità.

Analisi delle condivisioni
Questo strumento permetterà di analizzare, indipendentemente dai social plugin installati, la modalità in cui gli utenti condividono link legati ad un sito all’interno delle bacheche.

Insomma, a brevissimo, oltre ad integrare in un sito strumenti di analisi come per esempio Google Analytics, dovremo rivolgerci anche a Facebook. Dal mio punto di vista, l’utilizzo dell’Insight di Facebook e quello di Google Analytics dovrà viaggiare in parallelo e non ci sarà sovrapposizione.

Ovviamente questo sarà vero almeno finchè Facebook non deciderà, in accordo con Microsoft, di integrare l’analisi del traffico derivante da Bing.

Ora che ho lanciato YepLike!, che attraverso l’integrazione con Facebook permette di propagare Like e Dislike degli oggetti nel mondo, la misurazione della iper-realtà è a portata di mano. Riflettendoci, classificando un minimo le informazioni fotografate e geolocalizzate dagli utenti di YepLike! nel mondo reale, sarà possibile misurare e valorizzare qualitativamente, oltre che quantitativamente, le preferenze degli utenti anche fuori dalla rete.

Bello soprattutto dopo aver visto che per gli sviluppatori è tutto accessibile attraverso le API ed il linguaggio per query FQL. Tutta la documentazione è disponibile nella sezione Insight, e anche qui, in termini di applicazioni ed integrazioni adesso c’è veramente da sbizzarrirsi.

0

C’era una volta un Like

C’era una volta, in un web non troppo lontano, un piccolo tasto chiamato Like.

Like era un piccolo bottoncino, poco intrusivo, graficamente gradevole, molto disponibile agli utilizzi più impensabili (dai blog, ai siti istituzionali, alle landing page e anche ai sistemi di ecommerce) ma soprattutto aveva un fascino particolare: alle persone piaceva cliccarlo e poter dire velocemente “Mi piace!

Erano pochi i casi in cui le persone non cliccavano Like. Il piccolo bottoncino era molto educato, non diceva mai “fail“, “che schifo” o cose similari: al massimo diceva “non mi piace“, ma lo faceva solo dopo aver detto almeno una volta mi piace.

In poco tempo, la sua semplicità, lo fece diventare una sorta di checkin del web. La rete lo utilizzava in modo talmente tanto intenso che i numeri erano incredibili: non esisteva un angolo della rete, che non avesse il tastino presente almeno in qualche pagina o un utente che non avesse premuto almeno una volta il piccolo pulsantino.

Era talmente tanto utilizzato da tutti, che i suoi cugini Tweets e Share,  che fino a poco tempo prima avevano ricoperto l’incarico di ambasciatori della condivisione, cominciarono ad avere una certa gelosia nei suoi confronti: erano sempre più i like che i tweet e gli share. “Ma come è possibile?” si chiedevano i due.

Con il passare del tempo Tweets e Share capirono che la semplicità di Like però non era in fondo così positiva. Tutti facevano ricorso a Like in modo superficiale e non lo utilizzavano più solo per dire “Mi piace!”.

Like veniva utilizzato nei modi più svariati: dall’utilizzo di cortesia “Son passato di qua e ti ho letto, like.“, all’utilizzo di convenienza “Bah si, me lo memorizzo, magari mi serve, like.“, alla pigrizia “Uff, e che chiamo Tweets, poi devo scrivere 140 caratteri… no no, like.” fino all’utilizzo del moda “Ficooo, Laiiic!“. Malgrado questo però per Tweets non era una vita facile.

Un bel giorno, all’insaputa di tutti, durante una giornata tranquillissima, il papà di Like, in disaccordo con l’eccessiva discrezione del figlio, lo obbligò a cambiare comportamento: da quel momento in poi Like non avrebbe dovuto più esser il bravo tastino innocente che esprimeva un parere, ma bensì un invasore di bacheche, un condivisore spietato e virale di informazioni.

Come continua la storia?

Secondo me, così:

  1. Like verrà utilizzato sempre più spesso per azioni virali da siti, brand ed aziende
  2. Like non verrà più utilizzato come prima dagli utenti un pò più scaltri ed attenti all’estetica della propria bacheca: d’ora in avanti ci penseranno due volte (almeno) prima di premere un tasto like su un sito. Oggi a me è successo almeno 3 volte.
  3. Like continuerà ad esser utilizzato allo stesso modo da tutti quegli utenti che oggi hanno la bacheca invasa da notifiche di applicazioni e giochi vari.
  4. Like non sostituirà Share e Tweets, perchè verranno utilizzati in modo completamente diverso
  5. Il papà di Like rilascerà presto nuovo funzioni per poter gestire la pubblicazione sulla bacheca
  6. Il papà di Like penserà a dare degli strumenti di Insight anche per misurare i Like
  7. Like in linea generale verrà utilizzato di meno per timore

E voi, che ne pensate, come andrà la storiella ?

0

Intervista con Ninja Marketing

Per chi se la fosse persa, vi segnalo l’intervista pubblicata su Ninja Marketing fatta dalla grandissima Emanuela Zaccone relativamente ad Indigeni Digitali.

Come ninja e come cool hunters siamo sempre interessati alle communities ed all’innovazione connessa al digitale. Per questo siamo costantemente in contatto con gruppi e protagonisti del cambiamento per restituirvi un po’ del fervore e delle idee che animano il nostro Web e che, spesso, si traducono in eventi e situazioni concrete. Oggi dunque vogliamo presentarvi la tribù di Indigeni Digitali: chi sono e com’è nata questa idea? Ne parliamo con uno dei fondatori, Fabio Lalli.

1) Ciao Fabio, vuoi presentarti al nostro clan?
Ciao a tutti i Ninja prima di tutto. Classe 1977, geek! Da oltre 10 anni mi occupo di ICT. Ho lavorato per diverse aziende dalla consulenza, alla sicurezza ai system integrator e spaziando su progetti eterogenei: ecommerce, erp, crm, business intelligence, info security management e social media. Ho acquisito una buona esperienza nell’analisi, progettazione ed ottimizzazione di processi, sistemi, architetture ed applicativi web e mobile. Sono appassionato di comunicazione e marketing. Nel tempo libero bloggo, twitto, comunico, telefono, programmo, navigo, cerco, penso e innoveggio. Ovviamente faccio tutto contemporaneamente. Qualcuno mi definisce startupparo compulsivo.

2) Chi sono gli Indigeni Digitali?
L’indigeno digitale, secondo noi, è colui che vive il digitale in tutti i suoi aspetti: crea le nuove applicazioni, testa e approfondisce le nuove tecnologie, ricerca continuamente nuove soluzioni tecniche, partecipa attivamente alla conversazione in Rete, sperimenta ed applica nuovi strumenti, aiuta chi manifesta interesse per la tecnologia, mette a disposizione degli altri indigeni il proprio know how, le proprie capacità ed il proprio network. E’ pronto al confronto e alla discussione. L’Indigeno Digitale si riconosce nei valori dell’Etica Hacker. Detto tutto questo chi, tu mi chiederai, in pratica chi sono realmente… Semplice, sono tutti studenti, neo laureati, professionisti, dirigenti, startupper di tutte le età, appassionati di tecnologia e social media. Secondo me anche tu lo sei… un Ninja Indigeno Digitale

3) Com’è nata l’idea di Indigeni Digitali?
Qualche anno fa, assieme ad un ristretto gruppo di amici organizzavo serate nelle quali si discuteva di argomenti più o meno tecnici, semplicemente per il gusto di confrontarci e discutere di tematiche tecnologiche. Insomma una cricca di nerd. Da questi incontri è maturata l’idea che sta alla base del nostro network e che ha preso ufficialmente forma a febbraio del 2010. Insieme a David (@ingidavidino), Antonio (@zepod), Giuliano (@giuliano84) e altri abbiamo allargato il gruppo e successivamente disegnato il logo ufficiale: un indigeno con due orecchini, 4 penne arancioni. Le quattro penne sono i valori principali degli indigeni: passione per il digitale, voglia di confrontarsi, saper ascoltare e predisposizione alla condivisione. Il gruppo ha iniziato ad incontrarsi con cadenza regolare sperimentando di volta in volta un format differente dai precedenti: c’è stato l’aperitivo, nel quale non viene definito alcun focus e l’argomento principale è conoscere persone, e l’Ignite, nel quale ciascun presente espone progetti e casi di successo avendo a disposizione unicamente 20 slides da consumare in soli 5 minuti. Per i prossimi proveremo anche altri format: uno di quelli che vorremmo utilizzare e che abbiamo sperimentato con una cerchia ristretta di persone è quello che io ho chiamato MashupDrink, nel quale persone con competenze diverse affrontano temi e tirano fuori ipotesi di progetto e collaborazioni, presentandole agli altri nella stessa serata.

4) Quali sono le vostre attività principali?
Il network è nato con l’obiettivo di confrontarsi e condividere esperienze, casi di successo ed insuccesso, avere un parere tecnico e una soluzione in momenti critici e non, e bersi un bicchiere di vino dopo una giornata di lavoro chiacchierando di bit e byte in modo rilassato. La nostra principale attività è proprio questa: generare un punto di incontro e di confronto tra professionisti e tecnici che vogliono interagire, collaborare e creare opportunità, sia online che offline. Da questo stanno veramente nascendo delle opportunità, delle startup e per alcuni degli sbocchi lavorativi. Baby20.me, Ibiqi.com sono progetti che stanno nascendo proprio da gruppi di Indigeni che si sono conosciuti durante gli aperitivi.

5) Che sviluppi prevedi nel futuro di indigeni Digitali?
Beh prima di tutto mi auguro che la “filosofia” degli indigeni digitali si diffonda molto più di quello lo è già oggi: c’è bisogno di un bel po’ di sana cultura digitale e partecipazione affinchè ci sia un futuro di innovazione. Per quanto riguarda gli Indigeni noi ci stiamo muovendo in più direzioni. Prima di tutto abbiamo una nuova organizzazione territoriale e questo ci permetterà di avere dei riferimenti locali in ogni città e che potranno gestire ed intensificare il numero di aperitivi ed incontri. Anzi, colgo l’occasione per fare un primo appello: se pensate di poter attivare un network nella vostra città e volete portare un po’ di filosofia indigena, parliamone! Mi trovate on line. Stiamo inoltre programmando delle lezioni e alcuni interventi nelle università per entrare in contatto con gli studenti e fare da ponte verso il mercato e le aziende. Infine ci stiamo muovendo per dare supporto alle startup. Sempre più spesso sentiamo parlare di Venture Capitalist e investitori, che certo sono importanti per una startup, ma noi siamo dell’idea che ai giovani nuovi imprenditori, serva una forte mentorship che li instradi e gli dia metodologie e strumenti per poter migliorare il modo di lavorare. Questo noi possiamo farlo, perché nel network ci sono persone che hanno già fatto imprisa e possono condividere la loro esperienza.

Insomma mi avevi chiesto un’intervista, ma è venuto un mega post! Grazie a tutti i Ninja per la disponibilità e lo spazio di questa intervista. A presto, magari facciamo qualcosa insieme no?

Grazie a te Fabio e a tutti gli Indigeni! E voi ninja cosa ne pensate?

Che dire, oltre ad essere emozionato e soddisfatto, vi consiglio di leggere assiduamente il blog dei Ninja e seguire gli Indigeni Digitali!

1

L’immaginazione è più importante della conoscenza

Imagination is more important than knowledge. For knowledge is limited , wheras imagination embraces the entire world, stimulating progress, giving birth to evolution

Albert Einstein: Interview by George Sylvester Viereck” in The Saturday Evening Post (26 October 1929)

L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l’immaginazione abbraccia il mondo, stimolando il progresso, facendo nascere l’evoluzione.

Condivido questa frase di Einstein. Dal mio punto di vista infatti l’immaginazione è qualcosa di infinitamente ampio, senza limiti di spazio e di tempo, orientato al futuro, mentre la conoscenza, invece, per quanto illimitata possa essere, ha un limite temporale relativo alla durata della vita dell’uomo. Un uomo in una frazione millesimale di tempo può immaginare cose che non potrà mai studiare in una vita.

Potrebbe esistere quindi l’innovazione ed il progresso senza l’immaginazione? Io dico di no.

Nota: Ringrazio Max per avermi stimolato alla scrittura di queste due righe dopo aver condiviso questa immagine su Facebook. In effetti ho questa foto come sfondo del mio mac da parecchio tempo, ma non avevo mai pensato di scriverne un post. Tnx! 😉

2

Forum della Comunicazione Digitale 2011

Il 16 febbraio a Milano presso il Palazzo Mezzanotte (Piazza Affari) si svolgerà il Forum della Comunicazione Digitale e la partecipazione è gratuita. L’evento, ideato ed organizzato da Comunicazione Italiana, è un appuntamento per innovatori, top manager di imprese e pubblica amministrazione, tecnologi, comunicatori e ha l’obiettivo di fare network, creare opportunità di business e condividere know how.

Allo stesso tempo il Forum si pone l’obiettivo di creare conversazione tra i protagonisti dell’innovazione e i rappresentanti delle istituzioni, dei media, delle università e delle associazioni al fine di promuovere lo sviluppo della comunicazione digitale per lo sviluppo del paese.

Durante l’evento ci sarà anche una sessione di Ignite.

Io sarò presente all’evento. Ci vediamo li. Se volete qui di seguito trovate il link al mio profilo sul sito Comunicazione Italiana.

Guarda il profilo

0

ICT 2011, idee driver e business

All’inizio dell’anno scorso mi sono cimentato in una previsione dei driver che avrebbero spinto e trainato il mercato dell’ICT 2010 analizzando la tipologia di sviluppo che avremmo visto. Il risultato della previsione, a distanza di un anno, è stato più che positivo poiché gran parte degli argomenti affrontati, anche se ancora poco noti all’inizio dell’anno passato, hanno avuto un’impennata e una successiva crescita oltre ogni aspettativa.

Le Mobile Application, grazie ad iPhone, iPad ed Android e all’esplosione dei Location Based Service, hanno visto una crescita esponenziale: come direbbe qualcuno, ormai “c’è un App per tutto”. I social network che già nel 2009 avevano in qualche modo influenzato i mercati hanno avuto il loro ulteriore impatto sulle aziende e sul business e, hanno fatto crescere l’esigenza di un passaggio rapido a sistemi di Enterprise 2.0 ed l’utilizzo di strumenti di social Crm. Sono cresciute le applicazioni che utilizzano sistemi di Tag (Rfid, Qr…), anche se meno di quanto immaginavo, e si è cominciato a parlare in modo più consapevole di Internet delle cose.

Guardando all’anno appena iniziato, ritengo che il 2011 non sarà un anno di grossi stravolgimenti dal punto di vista dei driver trainanti del mercato, quanto invece un anno di consolidamento ed affermazione di alcune tecnologie che usciranno dal giro ristretto degli early adopter e vedranno luce nella vita di tutti i giorni. I social network che già dal 2009 hanno iniziato l’insediamento nella vita quotidiana e che nel 2010 hanno coinvolto milioni di persone, diventeranno la normalità, raggiungendo un livello tale di integrazione da poter esser visti come il “backup delle informazioni della vita personale”: una sorta di memoria della vita, in Cloud, classificabile e interrogabile su una timeline. L’integrazione vita personale-social network e lo sviluppo degli oggetti che pensano darà modo di sviluppare prodotti e soluzioni basati sul concetto di context-awareness, sistemi in grado di attivarsi e svolgere elaborazioni in modo simultaneo con una coscienza sempre maggiore del contesto in cui sono attivi anche grazie alla conoscenza dell’utente finale e dei suoi dati.

Per quanto riguarda le aziende invece il 2011 sarà un anno di ri-partenza in cui dovranno metabolizzare determinati strumenti, superare eventuali blocchi culturali e affrontare un cambiamento tecnologico che vedrà i suoi frutti nel giro dei prossimi due anni. I driver che hanno trascinato il 2010 saranno ancora validi ma con qualche sfaccettatura e declinazione diversa ma dovranno assolutamente esser affrontati per non rimanere indietro, con il rischio d’impatti negativi negli anni a venire. Si parlerà ancora di Cloud Computing, Mobile, Social Network e Analytics.

Il cloud computing avrà ancora come tema caldo principalmente la sicurezza e la continuità di servizio. Le aziende romperanno la barriera culturale e investiranno in cloud non solo dopo averne percepito il beneficio economico, ma soprattutto dopo aver preso coscienza che i propri dati non sono nelle mani di estranei e alla portata di tutti, ma sono gestiti con livelli di sicurezza elevati.  Le infrastrutture proposte dai fornitori inoltre dovranno garantire la continuità del business in caso di disastro.

Il Mobile per le aziende sarà il contatto principale verso tutti gli stakeholder. I dipendenti, sempre più in contatto con l’azienda e fuori dalle mura aziendali, utilizzeranno applicazioni mobili in modo più consistente per dialogare, comunicare e gestire informazioni. I clienti, sempre più presenti in rete ed interconnessi con smartphone, tablet e cellulari, utilizzeranno servizi in mobilità per ogni azione di relazione: informazione, acquisto, prenotazione e segnalazioni.

Per quanto riguarda i social network , le aziende dovranno necessariamente prender atto che questi fanno parte della vita quotidiana e dovranno così liberalizzarne l’utilizzo, imparando a controllarne l’uso e gli effetti. Sempre di più sarà necessario inoltre integrare le tecnologie sociali all’interno dei sistemi di CRM, collaboration e business intelligence. I sistemi di analisi nello specifico diventeranno strumenti utili al business per verificare le tendenze e il dialogo tra aziende e clienti e se integrati correttamente con i social media, diverranno anche strumenti di previsione real time.

Infine l’uscita del Mac Store ed il consolidamento dei market  store darà una spinta ulteriore alla crescita di piccole-medie imprese per lo sviluppo di applicazioni desktop e mobile. Vinceranno le applicazioni che, sì andranno sullo store, ma saranno cross piattaforma e non solamente focalizzate su un ambiente: l’HTML5 e tutto il mondo che ci gira intorno darà una bella mano a questo tipo di sviluppo.

0

La Apple smartPhonizza il Mac e decreta l’inizio della fine dei lettori DVD

Come aveva già anticipato meno di un mese fa, la Apple oggi ha confermato l’apertura del Mac App Store, praticamente un nuovo servizio simile all’App Store per iPhone, iPod e iPad e che permette così agli utenti di acquistare e scaricare le apps per il proprio mac. Per poter utilizzare il nuovo store è necessaria l’installazione dell’ultimo aggiornamento rilasciato per Leopard versione 10.6.6.

L’accesso allo store è semplice e può esser effettuato (per gli utenti di iTunes) utilizzando lo stesso account Apple. Una volta entrati nello store ci si accorge subito che la modalità di vendita del software e l’interfaccia proposta all’utente, è uguale allo store di iTunes: ricerche veloci, software classificati in categorie semplici ed intuitive, scheda del prodotto, tasto per procedere all’acquisto (free o a pagamento), aggiornamenti del software. I vantaggi per l’utente, così a primo impatto sono:

  1. possibilità di poter acquistare software quando serve, in modo sicuro, senza preoccuparsi dell’attendibilità del sito e dello sviluppatore
  2. possibilità di acquistare con un solo metodo di pagamento, integrato e certificato
  3. superamento del concetto di installazione da CD/DVD
  4. aggiornamenti centralizzati per tutti i software installati

Insomma, gli stessi vantaggi che si percepiscono utilizzando un iPhone o un iPad. E’ come dire che la Apple stia smartphonizzando il mac!

Anche se il concetto di store del software non è nuovo al mercato e agli utenti e più aziende hanno già provato a lanciarne uno, secondo me il Mac Store avrà un impatto diverso. Personalmente ho sempre riconosciuto alla Apple la bravura di saper scegliere il tempo di uscita, la modalità e la strategia di prodotto al “momento giusto”, così come ha fatto per esempio anche con l’iPad.

Dal mio punto di vista infatti questo è il momento giusto proprio perchè dopo l’esplosione del mercato degli smartphone e conseguentemente alla crescita dell’abitudine all’acquisto di apps e musica, gli utenti saranno più propensi ad acquistare anche software, nella stessa modalità. Poco, subito e ovunque, senza dover andare al negozio a prendere un CD/DVD per esempio.

Ritengo inoltre che sia anche la modalità giusta, perchè sta uscendo con una piattaforma che utilizza un modello già funzionante, lo store: tutti comprano con una sola piattaforma di acquisto, da un solo punto, un account. Il mercato è spinto dagli sviluppatori e dalle aziende che producono software per quel “sistema”.

La strategia di prodotto è infine assolutamente puntuale: il Macbook Air è stato inserito sul mercato un attimo prima dell’uscita dello store. Questo modello di Mac per chi no lo sapesse, è un prodotto sul quale non è presente un lettore di CD/DVD, e soprattutto, a differenza della campagna pubblicitaria della precedente versione, da nessuna parte si vede mai un lettore esterno su USB. E’ un pò come voler far dimenticare qualcosa che non serve più. Vi ricordate il Floppy Disk per esempio? Quando la Apple decise di toglierlo dai suoi Mac molti degli utenti pensarono che fosse un errore strategico, eppure, non è stato così.

Insomma questa che per molti (come si legge già in rete) non è una novità o per qualcuno è l’ennesimo modo di Apple di attirare a se l’utenza e stringere ancora di più la maglia intorno al DRM, dal mio punto di vista il Mac Store sarà l’inizio di un’ennesima rivoluzione che avrà l’effetto di iniziare la dismissione dei cd/dvd, l’utilizzo del cloud e una modalità diversa di distribuzione del software.

Il prossimo passaggio sarà l’apertura di un apps store per la Apple TV, la vendita di Apps per l’home entertainment, l’apertura un sdk per lo sviluppo e l’integrazione totale desktop e mobile: tutto avverrà nel momento in cui la Apple deciderà di chiudere il mercato dei PC casalinghi… 😉

0

Problemi di sicurezza per WordPress: vulnerabilità XSS

Il 29/12/2010 mentre me ne stavo tranquillamente in ufficio, il mio blog  è stato defacciato e la home page è stata sostituita con un reindirizzamento ad un sito contenente immagini porno. Non è la prima volta che avviene, e quando succede è una gran rottura di balle, perchè bisogna ripristinare alcuni file del sistema e rivedere tutti i folder nei quali sono stati caricati file.

Per chi non lo sapesse il termine Defacing, nell’ambito della sicurezza informatica, viene utilizzato per definire il cambiamento illecito della home page di un sito web (la sua “faccia”) e la modifica di una o più pagine interne. Questa pratica è condotta da persone non autorizzate (detti cracker, non hacker) e all’insaputa di chi gestisce il sito. E’ illegale in tutti i paesi del mondo.

Le motivazioni di tale atto vandalico possono essere di vario tipo, dalla dimostrazione di abilità fino a ragioni ideologiche e politiche. Le tecniche utilizzate per ottenere i permessi di accesso in scrittura al sito sfruttano solitamente i bug presenti nel software di gestione del sito oppure nei sistemi operativi sottostanti: nel mio caso, questa volta, credo che il daface sia stato effettuato tramite un bug di WordPress.

Casualmente mentre ero li che aggiornavo e ripristinavo il mio blog, ecco che mi arriva una mail del simpatico Matt Mullenweg, che dopo aver comunicato la presenza di un aggiornamento critico, mi augura Merry WordPressing in 2011!

First off, happy holidays. 🙂 I hope this time of the year, chilly for many of you, has given you time to enjoy family, friends, and loved ones and reflect on the year before and the year to come.

My last message to you this year is an important but unfortunate one: we’ve fixed a pretty critical vulnerability in WordPress’ core HTML sanitation library, and because this library is used lots of places it’s important that everyone update as soon as possible. I realize an update during the holidays is no fun, but this one is worth putting down the eggnog for. In the spirit of the holidays, consider helping your friends as well. You can update in your dashboard, on the “updates” tab, or download the latest WordPress here: http://wordpress.org/download/

The official release announcement is here: http://wp.me/pZhYe-qt

Merry WordPressing in 2011

Matt Mullenweg
http://ma.tt | http://wordpress.org | http://automattic.com

Cliccando sul comunicato ufficiale, si parla proprio di vulnerabilità XSS:

3.0.4 Important Security Update

Posted December 29, 2010 by Matt Mullenweg. Filed under Releases,Security.

Version 3.0.4 of WordPress, available immediately through the update page in your dashboard or for download here, is a very important update to apply to your sites as soon as possible because it fixes a core security bug in our HTML sanitation library, called KSES. I would rate this release as “critical.”

I realize an update during the holidays is no fun, but this one is worth putting down the eggnog for. In the spirit of the holidays, consider helping your friends as well.

If you are a security researcher, we’d appreciate you taking a look over this changeset as well to review our update. We’ve given it a lot of thought and review but since this is so core we want as many brains on it as possible. Thanks to Mauro Gentile and Jon Cave (duck_) who discovered and alerted us to these XSS vulnerabilities first.

Apperò, Matt classifica questa release Critical e ce lo dice sorridendo: peccato che su una vulnerabilità XSS (anche detta di Cross Site Scripting) non c’è una fava da ridere!

Insomma, alla fine grazie a questo “buchetto” ho passato 2 ore serali a ripristinare il blog, un pò di autorizzazioni e soprattutto dopo aver aggiornato WordPress alla versione 3.0.4 .

[Provocazione ON]

Beh questo è secondo me il brutto dei prodotti Open Source: con chi te la prendi in caso di danni generati da una falla di questo tipo?

[Provacazione OFF]

PS: ovviamente faccio riferimento a tutti i blog / siti che utilizzano wordpress come piattaforma su hosting privati e non su WordPress.com

1

Ci hanno fatto il Pacco di Natale

L’Italia politicamente non cambia. E nemmeno culturalmente. La fiducia per il Governo c’è ancora, e ci hanno fatto il Pacco di Natale. Per 3 voti, come aveva previsto Totò, malgrado tutto il casino e tutte le pippe che ci siamo sorbiti questi giorni.

Ogni volta rimango senza parole. E’ incredibile. Quello che succede in Italia è veramente ridicolo: voti comprati come al mercato, offese tra parlamentari, politici che esultano come avessero vinto la coppa del mondo, ribaltoni improvvisi e deputati che hanno paura di votare contro l’attuale governo per la paura di perdere l’immunità e con lei, la copertura e la tranquillità di poter continuare a fare i proprio interessi.

Pensare che tutto quello che fanno è legittimato dal fatto che loro rappresentano il popolo italiano, mi fa rabbrividire. Perchè io, non sono quel popolo lì.

Mentre scrivevo questo post anche Kawakumi ha pubblicato un post dal titolo Povera Patria, e ha riportato il testo della canzone di Battiato, che esprime, in modo attualissimo lo stato d’animo di molte persone. Compreso il mio.

Sono d’accordo con Nicola che scendere in piazza oggi è anacronistico e questo risultato ce lo dimostra. Bisogna lavorare su un livello diverso, con strumenti diversi, con un informazione diversa. Dobbiamo lavorare sulla cultura, creare contenuto di valore, motivare e incentivare al cambiamento, puntare ad una politica più giusta e libera.

Io insisto che vorrei una politica diversa e sto lavorando per questo.

1

La fine di Microfox a Roma

Qualche giorno fa il sito ecommerce del negozio romano Microfox portava un banner con su scritto svendita totale. La cosa mi è sembrata strana, sapeva di qualcosa di negativo, ma ho pensato che in fondo potesse essere una trovata “commerciale”. No, non era un azione di marketing. Questa volta si è trattato di un fallimento: ora che sia una azione per intascarsi tutto e portarsi via il “bottino” o che sia realmente un fallimento non lo so, ma la cosa certa è che qualcosa non ha funzionato.

Per anni ho comprato il materiale per i miei pc, l’hardware per amici, ho cercato pezzi per potenziare i desktop di casa e le consolle presso il loro negozio, e quel posto è sempre stato pieno di gente, addirittura da dover aspettare 50 minuti in coda. Secondo quanto riportato sul loro sito e che vi riporto qui di seguito, i motivi sono riconducibili ad un sistema degradato che non ha permesso ad una piccola realtà di sopravvivere.

Pubblico, con dispiacere perchè in fondo io mi son sempre trovato bene, quanto scritto sul loro sito e sul perchè della chiusura:

  1. Perché dopo anni di lavoro massacrante certa concorrenza, ormai indebolita e ferita come un animale, ti vuole annichilire (chi ha orecchie per intentedere, intenda) non chiedendosi il vero perché del tuo successo. Verità di successo riassumibile esclusivamente in:
    • non si è vissuto e non si è dormito per anni
    • si è stati chiusi in azienda giorno e notte senza tregua, senza un briciolo di tempo libero e fino al punto di sviluppare gravi malattie
    • si è combattuto anno dopo anno affinché ogni membro dell’azienda, nonostante appartenesse al malato sistema di questo paese, raggiungesse consapevolezza del lavoro e delle difficoltà sociali del contesto in cui esso quotidianamente si svolgeva
  2. Perché quando vengono come commandos a chiederti le tasse, ti domandi dove fossero quando non avevi un centesimo e cercavi qualcuno che ti aiutasse anche solo a comprendere come fare i primi passi e dove trovare la prima misera manciata di soldi.
  3. Perché se un organo ispettivo viene a farti un sacrosanto e legittimo controllo scopri che alla fine del medesimo anche se è tutto a posto, finiscono per incolparti non di tue azioni illecite od omissioni di legge ma di loro interpretazioni provenienti dalla cattiva fama che terzi hanno costruito su di te.
  4. Perché quando chiedi un fido ad una Banca ti senti dire: “cosa ci offre a garanzia che sia di superiore importo rispetto a quello richiesto?”. E quando gli rispondi che hai un business plan, un progetto di lavoro basato su esperienza e studio, ti devi sorbire impotente quel sorrisino tra il sarcastico ed il compassionevole che i bancari notoriamente abbinano al loro secco “mi dispiace, si rivolga altrove”.
  5. Perché i dipendenti di corrieri e trasportatori rubano la merce in quantità talmente grandi che un comune cittadino non può immaginarne il danno. Essi si appropriano del materiale con sopraffine tecniche di furto. E cosa succede? A loro certamente nulla, alle aziende danni economici di proporzioni esagerate e spese burocratiche proibitive per attivare i risarcimenti, sempre che questi siano stati previsti da apposite e costosissime polizze i cui premi aumentano in progressione ai sinistri.
  6. Perché per trovare fornitori seri, affidabili e convenienti, occorrono tragici anni (si parla di anni, signori) di esperienze negative:
    • perdite economiche
    • merce pagata in anticipo e mai consegnata
    • merce mancante e mai rimpiazzata
    • improvvisa scoperta di viltà personali provenienti da persone di cui ti fidavi
    • improvviso abbandono del rapporto commerciale: “scusa ma me so stancato de fa sta vitaccia”
    • merce promessa per uno specifico giorno che ritarda di oltre un mese
    • schede madri da 100 euro sostituite con schede video da 18 euro
    • merce difettosa e mai sostituita ma con il costante impegno del: “non ti preoccupare ti ho promesso che te la porto e te la porterò
  7. Perché ogni volta che paghi le tasse ti domandi:
    • come mai quando sono malato e voglio essere trattato come un essere umano (cioè curandomi per tempo) mi tocca sempre pagare la sanità privata?
    • Come mai per strada devo schivare le buche ma quando viaggio per lavoro o vado in vacanza, per arrivare a destinazione devo pagare fior di quattrini per imboccare l’unico cammino scorrevole (e spesso neanche quello) ovvero l’autostrada?
    • Come mai ovunque io vada con la macchina sono costretto ad organizzarmi ed angosciarmi visto che probabilmente dove andrò non troverò parcheggio e sarà uno strazio?
  8. Perché, anche se sembra impossibile, il reinvestimento dei guadagni, in Italia è tassato. Cosa vuol dire? Vuol dire che se guadagni del denaro e questo guadagno non lo vuoi percepire e divedere come utile ma lo vuoi investire nell’azienda (per esempio comprando più merce per implementare vendite, struttura aziendale e personale dipendente), il calcolo del medesimo a fine anno ti comporta il computo dell’imponibile fiscale (nell’esempio citato sotto forma di tassazione sulle rimanenze di magazzino). Tradotto in termini sociali: devi rimanere piccolo, desiderare soltanto i quattro soldi che ti sudi dalla mattina alla sera e non reinvestire in implementazioni, creatività e migliorie. Chi legge, se interessato all’argomento, si vada a studiare cosa invece accade negli altri paesi CEE…
  9. Perché se un produttore di fama mondiale riconosce sui propri prodotti la garanzia di un anno, tu devi riconoscerne tre e nessuno ti spiega come recuperare i costi di questo diritto del consumatore che nel caso dell’informatica inficiano ogni ricarico o guadagno.
  10. Perché l’energia elettrica, fonte di produttività e di ricchezza costa il doppio rispetto agli altri paesi europei che la generano e ce la vendono.
  11. Perché in questo paese e soprattutto in questa città tutti sono disposti a chiamare “casa” un qualcosa che non è altro che la cella di un alveare chiamato erroneamente palazzo. Perché tutti pagano queste orrende gattabuie centinaia di migliaia di euro con mutui trentennali o sacrifici disumani, incapaci di riconoscere che quello è il prezzo di fantastiche ville con piscina negli U.S.A. o in altre prestigiose località (comprese le capitali) di terzi paesi europei.
  12. Perché fare impresa immersi nel grigiore e nel simultaneo nervosismo di milioni di persone soffocate dalle preoccupazioni e dalla vita persa ad affrontare code e disservizi equivale a degradare se stessi e l’impresa.
  13. Perché in questo paese infernale puoi essere giovane e conservare la solarità della tua età solamente se non sei intraprendente, in caso contrario vieni frustrato per ogni tua iniziativa, per piccola che essa sia… E il remare controcorrente finisce per demolirti nel più profondo del tuo io.
  14. Perché tutti dicono che lo sport nazionale sia il calcio quando nessuno vuole riconoscere che in realtà è l’invidia.
  15. Perché in questo paese si invidia chi ha di più, anche poco di più, non avendo imparato che se c’è chi ha di più sarà per merito dei propri sacrifici e delle proprie notti insonni.
  16. Perché in questo paese non si insegna ad osservare e ad imparare da chi ha ottenuto un potere ma si istiga a giudicarlo e a catalogarlo in precise divisioni sociali che si tramandano di generazione in generazione fomentando odio e pregiudizio.
  17. Perché l’italiano e specialmente il romano si scherma dicendo che “tutto il mondo è paese” quando è sufficiente uscire dall’Italia per vedere, fosse anche dal semplice sguardo delle persone o dallo scorrere del traffico, come questo non sia vero.
  18. Perché gli abitanti di questo paese, anche i più poveri, acquistano biglietti aerei low cost e quando li guardi camminare per le strade straniere vedi chiaramente come non prestino ravvedente attenzione e non si sconvolgano per l’ordine e per la sobrietà urbanistica che rende degna la vita degli altri popoli.
  19. Perché in questo paese si scarica ogni colpa sui politici che altro non sono che cittadini aventi le stesse mancanze del popolo che rappresentano.
  20. Perché questo paese non ha mai imparato che quei pochi che hanno cercato di cambiare le cose si sono dovuti immolare e morire esplodendo in sanguinosi attentati. Perché non ci si domanda a chi vada di andare a morire per una giusta causa quando a nessuno gliene frega niente, quando è lo Stato stesso che non ti protegge.
  21. Perché in altri paesi senti parlare con gioia e vanto delle nuove linee di treni ad alta velocità mentre qui si grida allo scandalo ambientale e all’esproprio dei terreni.
  22. Perché i grandi ponti e le colossali e moderne opere architettoniche degli altri paesi sono i luoghi visitati da ogni turista italiano mentre in patria, il ponte sullo stretto è dagli stessi individui giudicato un latrocinio, uno scempio ambientale nonché una oscenità estetica.
  23. Perché nessuno combatte per riconoscere che a Roma (ma non solo) si circola bene e ci sono parcheggi soltanto nelle aree e nelle vie progettate e costruite ottant’anni orsono, ovvero in epoche dove non vigeva quella che oggi chiamiamo “democrazia”. Democrazia del parlare non potendo realizzare… Perché? Perché la propria parola vale come quella dell’altro… E di altri ce ne sono talmente tanti che tra essi è sufficiente una opinione diversa per non poter realizzare alcunché.
  24. Perché nessuno si accorge che le conquiste sindacali degli anni di piombo pur essendo basate sulla equità e sulla giustizia sociale stanno comportando per l’Italia la fuga degli investimenti privati. Si dice sempre ma nessuno capisce che questo vuol veramente dire: NOI CHE FACCIAMO IMPRESA VI MOLLIAMO PER STRADA, CE NE ANDIAMO IN PAESI CHE CI AMANO, CI INCENTIVANO E CI INVOCANO A GRAN VOCE COME PORTATORI DI OCCUPAZIONE E DI BENESSERE. E quando non ci saranno più imprenditori da incriminare e ragioni sociali da vertenziare?
  25. Perché meraviglie della creatività come la Bugatti, la Ferrari, la Maserati, la Lamborghini, la Ducati, l’arte, la musica, l’alta moda, tutto il design italiano, le prestigiosità alimentari e chi più ne ha più ne metta… Sono frustrate da questo popolo di depressi e repressi abitanti di casermoni da speculazione edilizia anni 50 e 60. Tutti incolonnati in strade buie o spente, stanchi, incazzati e avviliti. Sorridenti solo quando si tratta di cazzeggiare tra amici costretti alla stessa sorte. Tutti avvelenati con gli yacht dei ricchi e potenti che a loro dire “magnano alla faccia de chi nun c’ha manco l’occhi pe’ piagne” quando in realtà probabilmente sono gli unici che combattono per mantenere alto il livello di vita di questo paese.
  26. Perché esci da una giornata di duro lavoro e incontri il degrado della prostituzione stradale che avvilisce il rapporto tra genitori e figli quando negli altri paesi della CEE specifiche normative hanno risolto il problema nel quadro di una degna ed accettabile compagine igienico-sanitaria. Perché in questo paese si lascia consapevolmente questo mercato in mano alla criminalità incrementando il degrado.
  27. Perché se vai da un professionista (commercialista, avvocato, consulente) e lo rendi partecipe dei tuoi alti fatturati (che tra l’altro assolutamente non equivalgono a ricchezza viste le briciole che, se va bene, rimangono da una frenetica e demolente attività quotidiana), ottieni una tariffa/parcella da esproprio proletario… Come se in un normale bar, per un semplice caffè, alla gente comune si chiedessero 80 centesimi mentre a quelli che hanno la parvenza di ricchi si esigessero 10 euro.
  28. Perché in questo paese si proibiscono slot machines e casinò ma… Procapite la gente spende in proporzione doppia rispetto agli altri paesi attraverso i gratta e vinci, le lotterie e il superenalotto.
  29. Perché quei pochi italiani, specialmente romani, che ritagliano un tempo della propria giornata per praticare sport, chiamano “centro sportivo” o “palestra” luoghi e locali che tali non sono. Chi ha avuto modo di vivere all’estero e ha frequentato un centro sportivo sa cosa vuol dire. In Italia e maggiormente a Roma questi centri non sono altro che affollati e malmessi tuguri, pieni di schizzi di sudore freschi, antichi e a volte anche preistorici.
  30. Perché in questo paese e specialmente in questa città si costruiscono stazioni ferroviarie, giardini pubblici, aeroporti ed infrastrutture di ogni genere senza prevedere un piano di manutenzione. Perché le uniche aiuole e gli unici prati ben mantenuti appartengono a proprietà di multinazionali private con sedi legali e manager provenienti da paesi civili. Perché negli aeroporti della capitale tutte le vetrate sono luride e schizzate di lerciume di varia natura.
  31. Perché negli stadi e nelle manifestazioni sportive di questo paese si inneggia ad una identità patriottica che non ha alcun senso compiuto. I turisti che visitano le nostre città, specialmente Roma, escono nauseati dalla puzza di rifiuti e di urina presente sulle strade, dalle defecate dei cani, dai muri sgretolati ed avviliti dalle bombolette spray e dai ristoratori di borgata con lo sguardo spento e scazzato che gli passano conti da ristorante “nouvelle cousine” della quinta strada di New York.
  32. Perché i negozi (salvo il nostro punto Microfox) praticano prezzi altissimi perché a nessuno va di lavorare veramente e tutti vogliono guadagnare tanto investendo poco e dunque ricaricando la merce con percentuali proibitive. E se qualcuno esce da questo seminato, si incazzano, diventano bombaroli e complottano.
  33. Perché quando torni da un paese estero ed entri in un mercato rionale romano ti sembra di essere entrato in un campo nomadi… Campo nomadi dove però, frutta e verdura nostrane, trattate con disprezzante scazzamento romano, costano di più che in un lussuoso mercato invernale della capitale norvegese di Oslo.
  34. Perché le vie e le piazze che fanno da cornice a tutta questa vita romana fanno pietà. Perché a Montesacro e a Centocelle ci sono pini piantati letteralmente in mezzo alla strada. Perché in ogni quartiere si contano decine di degradate, misere, buie e povere stradine senza uscita. Perché i tre centri commerciali più grandi della capitale dispongono di parcheggi labirinto costruiti con la stessa “logica” con cui è stato costruito il “quartiere alveare” Marconi (e tanti altri). Perché le strade che portano ai grandi centri commerciali sono misere e inidonee al traffico che devono sostenere.
  35. Perché troppa gente per strada ha lo sguardo criminale e la faccia sporcata dai pensieri ostili alla creatività ed al buon senso. Perché quando entri nei bar ti accorgi che ognuno di essi è popolato da parassiti fancazzisti. Perché quando guardi negli occhi le persone, leggi in loro una profonda voglia di uccidere al contempo mescolata con la frustrazione del non poter farlo. Perché ogni suonata di clacson che duri più di mezzo secondo è espressione di profondo odio e insulto verso il prossimo. Perché sono troppo pochi gli anziani romani da cui puoi veramente trarre qualche saggio insegnamento.
  36. Perché qui, sono in troppi ad essere organizzati per scaricare le proprie frustrazioni attraverso l’abuso psicologico in famiglia, la pornografia e le perversioni sessuali, le manie, lo sballo da assunzione di stupefacenti, l’utilizzo sfrenato di videogames, la visione compulsiva di film che facciano fuggire dalla realtà.
  37. Perché sei sempre imbottigliato nel traffico e quelle poche volte che l’autostrada è sgombera inizia la tortura dei rilevamenti di velocità tramite sistema tutor, magari mentre sei alla guida di macchine sicurissime che a 130 ci vanno in seconda. Perché nessuno protesta o si coalizza per l’iniquità tutta italiana del non avere scampo per via del calcolo della velocità media che questa sequela di “tutor-trappole” comporta. Negli altri paesi CEE l’autovelox funziona come il toro nella corrida: se sei bravo ti salvi! Qui invece ti inchiodano quelli che hanno il coltello dalla parte del manico, e chi sono? Altri fancazzisti bevi caffè, tutti seduti davanti ai terminali del sistema tutor… E per cosa? Per la sicurezza stradale? Certo che no, i morti vengono prevalentemente dalle statali abbandonate e dall’assunzione di stupefacenti legata alla depressione cronica di questo popolo… Queste trappole reprimenti servono per fare cassa visto che la tassazione tra le più alte del mondo non è sufficiente all’ingordigia fiscale delle istituzioni.
  38. Perché se hai la sfortuna di entrare in un ospedale pubblico, oltre al fatiscente degrado delle strutture, devi subire la visione di infermieri volgari, scazzati, annoiati, spesso ostili… Ed insieme ad essi, le loro bacheche sindacali appiccicose di bolscevismo d’altri tempi e di proclami di diritti contrattuali. Corsie di ospedali con gente anziana trattata come pezze da piedi, obitori straripanti di insensibilità e di sporco mercantilismo del caro estinto in combutta con le imprese funebri.
  39. Perché neanche da morti in questo paese, specialmente a Roma, si rimane liberi dal degrado. Cimiteri infernali, sfondati, scomodi, edificati in quartieracci dai palazzoni fatiscenti. Che bello! Andare al cimitero per ricordare una persona cara e trovarsi a bestemmiare perché non si è trovato parcheggio…
  40. Perché nelle scuole pubbliche a formare le nuove generazioni ci sono faziosi catto-fascisti, catto-comunisti, pseudo rivoluzionari, sinistro-catto-depressi, sinistro-confusi, demo-storditi… Mai nessuno che spieghi i mercati ed insegni ad imparare da chi si arricchisce costruendo e creando. Mai nessuno che insegni che un ricco egoista e sbruffone è probabilmente soltanto un eccentrico creativo che vuol trasformare la propria vita in una emozionante avventura e che per questo va preso come esempio che migliora il mondo e combatte la monotonia dell’uguaglianza e della depressione cronica.
  41. Perché in questo paese tutti fanno tutto allo stesso momento, senza equilibrio alcuno. Tutti in vacanza insieme, tutti al bar insieme, tutti a pranzo e a cena insieme, tutti in file chilometriche per andare al mare insieme. Anche da Microfox venivano tutti insieme per poi dire: “da Microfox c’è sempre la fila…”
  42. Perché se chiedi giustizia, il giorno in cui la ottieni non te ne frega più niente di averla raggiunta visto che sono passati talmente tanti anni che l’attesa è stata ben peggiore ed umiliante del torto subito.
  43. Perché quando uno straniero giunge ospite di un italiano andrebbe offerta a caro prezzo, in cambio di un po’ di civiltà, l’unica mercanzia apparentemente riservata alla sola Italia, l’unica proprietà sociale di ricchi e di poveri, vera prodezza sanitaria ed indiscussa comodità assente negli altri paesi ma presente nel nostro: il bidet.
  44. Perché se non siamo bravi a gestire i budget per migliorare le infrastrutture del nostro paese dovremmo accettare con umiltà l’aiuto di popoli che invece lo sanno fare bene.
  45. Perché le imprese cinesi ci costruirebbero in un decimo del tempo e con la metà del denaro delle magnifiche strade ed autostrade multi corsia nonché delle superbe ferrovie con treni a levitazione magnetica.
  46. Perché le imprese americane gestirebbero con affidabile, puntuale, ordinata e rispettosa professionalità i nostri monumenti e i nostri siti archeologici.
  47. Perché le imprese tedesche ristrutturerebbero e ottimizzerebbero la nostra burocrazia.
  48. Perché le imprese francesi creerebbero per noi molteplici siti funzionali dal basso impatto ambientale per la produzione di energia e per lo smaltimento dei rifiuti.
  49. Perché noi, in cambio di questi aiuti avremmo da offrire meraviglie del design, della avionica, dell’ingegneria, della meccanica e di tutta la genialità che caratterizza alcuni soggetti illuminati del nostro popolo.
  50. Perché dopo che ho lavorato tutto il giorno non mi va di sopportare di dover schivare pericolose radici di alberi che negli anni di abbandono hanno finito per sollevare l’asfalto. Perché non mi va di usare mezzi di trasporto affollati all’inverosimile e climatizzati malissimo (questo quando un mezzo pubblico climatizzato si ha l’onore di trovarlo). Perché non mi va di digerire che a Roma ci siano solo due linee di metrò e che le altre linee dovevano essere pronte da oltre 30 anni. Perché non mi va di rimanere impantanato nei sottopassi per colpa di due fottute gocce di pioggia e di una manica di sfaticati che non effettuano le manutenzione cui sono preposti.
  51. Perché è troppo sfiancante la sicurezza in se stessi dei romani. Sicuri di cosa? Di quale magnificenza? Di quale superiorità? Di quale onore? Di quali ricchezze? Di quali finezze? Di quali invenzioni? Di quali innovazioni? Di quali funzionalità? Di quali forze di volontà creative?
  52. Si! Gli stessi romani che dicono “ma guarda questo chi se crede de esse” mentre loro sono perlopiù (qui si parla di percentuali maggioritarie) dei nevrotici e indebitati depressi cronici che sfogano le proprie frustrazioni in esultanze sportive o colorite espressioni dal carattere troppo volgare per essere considerato una ricchezza per l’umanità.
  53. Perché sono troppi coloro che in questo paese ma soprattutto in questa capitale, promettono senza mantenere. Negli anni abbiamo imparato che la maggior parte dei bugiardi romani non lo fa con cattiveria e nemmeno con malafede, lo fanno per un motivo ben più grave: LO SCAZZAMENTO. Sono semplicemente incapaci di mantenere una promessa perché nel giro di qualche ora (qualche giorno nella migliore delle ipotesi) perdono il senso e l’emozione che l’ha generata. E sapete qual è la cosa peggiore? Che non mantengono le promesse nemmeno se esse rappresentano per i medesimi un grande guadagno… Perché? Perché è più forte l’attrazione magnetica della passività rispetto ai benefici di un guadagno o di un traguardo raggiunto.
  54. Perché non se ne può più di combattere per cose serie e non essere presi sul serio. Non se ne può più di non essere creduti quando si esprime con passione un progetto da realizzare. Non se ne può più di aver già dimostrato di saper fare e nonostante questo, di continuare ad essere trattati (dai comuni cittadini, dalle istituzioni e dalle banche) come gente qualunque.
  55. Perché anche questo scritto non verrà compreso dalla maggior parte dei lettori e forse non sarà neppure letto completamente.
  56. Perché dopo tante frustrazioni è troppo bello essere diventati un’altra gocciolina che alimenta quel bel mare… Quel mare di aziende italiane che chiudono i battenti alla faccia di tutti i parassiti e le “sanguitasse” che inevitabilmente si impoveriranno sempre di più e che, lo speriamo col cuore, periranno con in mano la bandiera della propria fancazzista e passiva ingordigia.

La lettera si conclude così:

ADDIO A TUTTI. E CHE DIO PROTEGGA QUEI POCHI CHE NON APPARTENGONO ALLE CATEGORIE SOPRA DESCRITTE.

In rete ci sono pareri contrastanti sulla legalità di Microfox e sulle modalità di approvvigionamento del materiale, ed è difficile capire che cosa non ha funzionato. Certo, questo sembra lo sfogo di chi si è proprio rotto le balle e non sembra uno che sta facendo un pacco. Che ne pensate?

1

Il lato oscuro del Cloud Computing

Nel 2010 la parola Cloud Computing è stato uno dei termini più citati dai CIO, dagli addetti ai lavori dell’IT, dalla maggior parte degli utenti della rete ed è stato come avevo anticipato uno dei driver dell’anno. Tendenzialmente tutti hanno valutato, preso in considerazione e utilizzato, almeno una volta, soluzioni Cloud per scopi privati o business. Basti pensare alle email, e magari al caso specifico di Google Gmail o delle Google Apps, per rendersi conto di quante persone utilizzano questo tipo di sistemi, o al crescente utilizzo di DropBox o sistemi di disco remoto per foto, video e hosting.

Gli esperti di Stonesoft Corporation, nota società americana finlandese (Grazie a Francesco per la segnalazione dell’errore) che si occupa da anni di sicurezza informatica, già in una nota di Marzo 2010, stimava un aumento dei servizi di Cloud Computing per l’anno in corso e allo stesso tempo segnalavano il potenziale aumento anche di minacce per la sicurezza.

Dal mio punto di vista se non si tiene nella giusta considerazione la sicurezza dei dati affidati a terzi, il Cloud Computing può rappresentare un rischio sia se si tratti di un azienda, sia per il privato. Nel momento in cui le società o le persone utilizzano i servizi in Cloud e affidano i propri servizi IT a terze parti, consegnano a tutti gli effetti la riservatezza, l’integrità e la disponibilità dei loro dati e sottomettono tutte queste informazioni alla legislazione del territorio sul quale depositano i dati.

Anche se la qualità del servizio (QoS  – Quality of Service) è garantita da accordi tendenzialmente forti come quelli sul livello del servizio (SLA – Service Level Agreement), raramente questi livelli di servizio considerano alcuni aspetti della sicurezza strettamente legata al business specifico del cliente. Nella scelta del fornitore, nel caso del Cloud si può parlare di partner tecnologico piuttosto, i responsabili IT delle aziende o gli utenti che scelgono di portare i propri dati su una nuvola, dovrebbero prestare molta attenzione ai sistemi di sicurezza di cui dispongono le aziende, dovrebbero analizzare le caratteristiche tecniche del servizio e approfondire i requisiti dell’azienda dal punto di vista della solidità dei sistemi, delle procedure di disaster recovery, della business continuity e di tutti i sistemi di audit, logging e reporting qualora si verificasse un abuso ai dati o un danno.

Purtroppo, troppo spesso, l’attenzione per la sicurezza emerge solo a seguito di gravi incidenti legati alla perdita o alla violazione di dati distribuiti “on the cloud” o non gestiti correttamente.

Nel mia esperienza privata, malgrado la mia “maniacale” attenzione per backup e ridondanza di dati, un mese fa sono stato vittima del cloud di Google Gmail: per circa 48 ore la mia casella di posta elettronica e quindi tutti i miei dati non sono stati accessibili per un “disservizio” sul mio account. Panico. Per fortuna tutto è tornato disponibile in “poco” tempo. La prima cosa che ho fatto al momento del ripristino del servizio è stato configurare un ulteriore download della posta su un pc di backup. Ma se non fosse tornato su?

Ma quindi esiste un lato oscuro del Cloud Computing? Secondo me si. Andare in Cloud ha tantissimi vantaggi e lati positivi, ma in fondo, il fattore più importante, la disponibilità del dato e la riservatezza, viene sottovalutato.

Quindi attenzione: portate i dati in cloud, ma non rimanete con la testa fra le nuvole.

1